Scusa. La tua ricerca non ha trovato alcun numero di parte Crucial attivo o ID di configurazione.

Panoramica di Crucial ® Storage Executive

Crucial Storage Executive fornisce ai clienti Crucial ulteriori segnalazioni e utility per la diagnosi dei problemi con gli SSD Crucial. Questo consente loro di riparare guasti causati da gravi malfunzionamenti del sistema operativo, o anche solo di visualizzare gli attributi dell’unità e aggiornare il firmware. Sebbene l’utility Storage Executive disponga di una documentazione dettagliata, questo articolo illustra alcune funzionalità e analizza altri dettagli.

Requisiti di sistema

  • Windows® 7 o successivo (sono supportate solo le versioni a 64 bit)
  • Connessioni SATA o PCIe® per qualsiasi unità usata con Storage Executive (le connessioni USB potrebbero consentire una funzionalità parziale, ma un supporto completo a tutte le funzionalità di Storage Executive richiede una connessione diretta SATA o PCIe).

Storage Executive è compatibile con gli SSD Crucial delle serie M500, M550, MX, BX e P, e le funzioni diagnostiche dello strumento sono compatibili con gli SSD portatili Crucial della serie X. La funzionalità potrebbe essere limitata nei modelli Crucial meno recenti o nei dispositivi di archiviazione non Crucial, ma non è garantita o supportata da Crucial.

Informazioni di sistema

Nella schermata Informazioni di sistema sono riportati i dettagli relativi a memoria e dispositivo di archiviazione. Viene fornita una panoramica del PC sulla RAM installata e viene anche mostrata la memoria virtuale (come somma delle dimensioni della RAM installata e del file di paging). Nella parte bassa di questa schermata vengono riportati i dettagli relativi all’unità di archiviazione collegata, come codice prodotto, numero di serie, firmware installato, e quantità di spazio libero e di spazio occupato. Sono inoltre presenti pulsanti di accesso rapido per segnalazioni S.M.A.R.T. e aggiornamenti del firmware. 

Quando scegli un’opzione di gestione dalla colonna sul lato sinistro della schermata, devi selezionare anche un’unità per visualizzare le opzioni di gestione specifiche del dispositivo per quell’unità.

Dettagli unità

Le schermate Dettagli unità forniscono maggiori informazioni su ogni singola unità, come il totale dei byte scritti per prevenire l’usura della NAND, oppure il driver e l’interfaccia che l’SSD sta utilizzando.

In questa schermata è presente un menu a discesa (in alto a sinistra) con l’opzione Ottieni dati di debug per il tuo sistema: ti consente di generare i log degli errori che potrebbero essere richiesti dal servizio di assistenza Crucial per la diagnostica dei malfunzionamenti di sistema. I log degli errori vengono salvati in archivi .zip nella cartella in cui è installato Storage Executive.

In questa schermata vengono inoltre indicate le prestazioni che possono essere ottimizzate in Windows. Alcuni suggerimenti, come l’abilitazione della modalità AHCI e la modifica delle impostazioni di scaricamento buffer cache in scrittura, possono migliorare le prestazioni o la stabilità, anche se non sono utili per tutti gli utenti e potrebbero non essere possibili in alcuni sistemi host. Inoltre, molte di queste modifiche sono più complesse del previsto e alcuni utenti potrebbero avere problemi a eseguire queste operazioni da soli. Fai riferimento alla documentazione del tuo sistema operativo per istruzioni specifiche e rischi relativi a queste modifiche, ma tieni presente che se ti sembrano particolarmente invasive o di utilità limitata, non sono necessarie per l’uso generale dell’SSD come dispositivo di archiviazione ad alte prestazioni.

S.M.A.R.T.

In questa schermata sono riportati i valori delle prestazioni rilevati dal sistema di automonitoraggio dell’unità, e tali valori vengono collettivamente usati per verificare l’integrità dell’unità, come mostrato in Storage Executive. Ulteriori dettagli sugli attributi SMART e su come interpretarli sono disponibili qui.

Aggiornamenti firmware

Questa schermata ti consente di confermare il firmware dell’SSD installato e cercare su Crucial.com gli aggiornamenti disponibili. Se viene trovato un aggiornamento, è possibile applicarlo da questa schermata, ma verrà imposto un riavvio durante la procedura di aggiornamento, a meno che non venga selezionata anche la casella Esegui aggiornamento firmware in tempo reale. Assicurati di non avere programmi aperti o che tu abbia salvato i tuoi dati su programmi aperti prima di eseguire questa funzione. Se scegli di eseguire l’aggiornamento in tempo reale e hai diverse unità dello stesso modello (ad esempio due unità MX200), tutte le unità verranno aggiornate quando questa procedura viene eseguita su un computer. 

Se scorri verso il basso in questa schermata, sono disponibili delle note di rilascio per l'aggiornamento. Il campo per la selezione manuale di un file di aggiornamento del firmware è progettato per SSD di classe enterprise a marchio Micron e non è supportato dalle unità a marchio Crucial. La documentazione per l'utilizzo del file .ISO scaricabile di Crucial è disponibile nella nostra pagina Firmware e assistenza per SSD per le unità idonee se non è possibile aggiornarlo in Storage Executive.

Pulizia unità

Questa operazione rimuove tutti i dati, incluse le partizioni, dall’unità di destinazione. Così facendo, l’unità verrà lasciata in uno stato che richiede la reinizializzazione per l’uso futuro. Per completare questa procedura verrà imposto il riavvio del sistema; pertanto, come per l’aggiornamento del firmware, assicurati di essere pronto prima di procedere con il riavvio.

Su un’unità con conformità TCG e protezione tramite password, questa funzione non sarà disponibile, come mostrato sopra, e al suo posto sarà necessario usare la funzione PSID Revert.

Format Drive (Formatta unità)

L'operazione di formattazione viene utilizzata per formattare l'unità NVMe di basso livello. Questo particolare strumento viene utilizzato quando l'host desidera modificare la dimensione dei dati LBA e/o dei metadati, operazione non necessaria per la maggior parte delle applicazioni di un SSD. La maggior parte degli utenti può utilizzare in modo semplice e più efficace gli strumenti integrati del proprio sistema operativo per riformattare gli SSD, quando necessario.

PSID Revert

Questa funzione riporta l’SSD al suo stato originale se è conforme alle specifiche TCG e protetta da una password che blocca la crittografia hardware, e non consente di accedere usando le credenziali originali, come ad esempio in caso di password dimenticata. Questa funzione rimuoverà inoltre tutti i dati dall’unità in maniera simile all’operazione Pulizia unità. Questa procedura richiede all’utente di inserire il codice PSID a 32 caratteri stampato sull’etichetta dell’unità. L’operazione verrà avviata immediatamente, e dopo alcuni secondi verrà indicato che la funzione PSID Revert è stata svolta e che tutti i dati sono stati rimossi dall’SSD.

Momentum Cache

Momentum Cache è una funzionalità che ti consente di usare il 25% della memoria di sistema disponibile, anche se non più di 4 GB, e di scrivere i comandi nella cache dell’SSD Crucial per aumentare la velocità di scrittura. Un’improvvisa interruzione dell’alimentazione durante l’utilizzo di Momentum Cache potrebbe comportare la perdita di dati e il danneggiamento di file. Per evitarlo, su un portatile Momentum Cache si disabiliterà automaticamente quando il livello della batteria è al 25%. In un PC desktop non è presente una funzionalità comparabile, quindi ti consigliamo di usare un alimentatore non interrompibile mentre usi la funzionalità Momentum Cache.

FlexCap

FlexCap non è supportato da SSD a marchio Crucial, solo da gamme di prodotti specifici Micron®. La sua funzionalità è simile all’Over Provisioning descritto sotto.

Over Provisioning

L’Over Provisioning (OP) è una funzionalità di Storage Executive che ti consente di aumentare lo spazio sull’SSD utilizzabile dal driver. La creazione di spazio aggiuntivo per il driver migliora funzionalità come Wear Levelling e Garbage Collection, il che significa che ci sono meno probabilità che l’SSD si rallenti in condizioni di sovraccarico. Nei test, i benefici più chiari sono stati ottenuti con quantità di OP pari al 5-10% dello spazio totale dell’SSD, ma gli utenti che non esauriranno la capacità di archiviazione dei loro dispositivi possono avere altri vantaggi per l’assegnazione di spazio aggiuntivo.

Auto-test del dispositivo

L’Auto-test del dispositivo esegue un test rapido dell’SSD che dà esito positivo/negativo. Questa funzionalità non è supportata da tutti i modelli di SSD Crucial e non fornisce dettagli precisi sulla causa di un malfunzionamento; pertanto è consigliabile rivedere spesso i dati SMART per avere più informazioni sulle prestazioni anomale di un SSD. Per un breve riepilogo, questa opzione è sufficiente.

Crucial Storage Executive può essere scaricato gratuitamente da qui. Per le domande frequenti su Storage Executive, fai clic qui. Per chiedere informazioni sull’utilizzo di un SSD o di Storage Executive, o per contattare Crucial per altre ragioni, fai clic sul link Supporto in alto a destra del software per scoprire come metterti in contatto con Crucial. Puoi anche visitare questa pagina per vedere le altre opzioni di assistenza.

Namespace Management

Namespace Management è una funzionalità progettata per gli SSD Micron Enterprise e non supportata dai prodotti Crucial.

©2021 Micron Technology, Inc. Tutti i diritti riservati. Informazioni, prodotti e/o specifiche sono soggetti a modifiche senza preavviso. Né Crucial né Micron Technology, Inc. sono responsabili di eventuali omissioni o errori fotografici o tipografici. Micron, il logo Micron, Crucial e il logo Crucial sono marchi commerciali o marchi registrati di Micron Technology, Inc. Windows è un marchio commerciale di Microsoft Corporation negli Stati Uniti e/o in altri Paesi. PCIe è un marchio registrato di PCI-SIG. Tutti gli altri marchi commerciali e i marchi di servizio sono di proprietà dei rispettivi detentori.